Caro Federico, vorrei farti i miei più sinceri ringraziamenti per una settimana incredibile nel Mara! La tua guida, la tua conoscenza fotografica e l'ottima compagnia hanno superato tutte le mie aspettative. Oltre alle meravigliose situazioni e avvistamenti, il rapporto che si è creato ha reso il viaggio indimenticabile! Tornerò sicuramente!

John Fielding

Sono una guida per viaggi fotografici a tempo pieno in UK, e sono stato colpito dalla qualità del safari con Federico Veronesi. Federico ha uno stile calmo e paziente che ti fa sentire completamente rilassato e a proprio agio, e allo stesso tempo ha l'esperienza per metterti sempre nel posto migliore per incredibili immagini e situazioni. Molte volte avremmo perso delle situazioni magnifiche se non fosse stato per l'intuito di Federico sui comportamenti animali e su cosa può generare un'ottima fotografia. Il numero di volte in cui siamo stati da soli con Leopardi in attività o cacce di Leoni testimonia l'abilità di guida di Federico. E continuamente ci ha intrattenuto con storie e racconti dal Mara. Tutte le componenti del nostro viaggio sono state organizzate dall0 staff di Federico e non provo altro che gratitudine per aver organizzato tutto cosi bene. Non esito a raccomandare Federico a chiunque e non vedo l'ora di tornare in safari con voi.

Marcus Conway

Sono una guida per viaggi fotografici a tempo pieno in UK, e sono stato colpito dalla qualità del safari con Federico Veronesi. Federico ha uno stile calmo e paziente che ti fa sentire completamente rilassato e a proprio agio, e allo stesso tempo ha l'esperienza per metterti sempre nel posto migliore per incredibili immagini e situazioni. Molte volte avremmo perso delle situazioni magnifiche se non fosse stato per l'intuito di Federico sui comportamenti animali e su cosa può generare un'ottima fotografia. Il numero di volte in cui siamo stati da soli con Leopardi in attività o cacce di Leoni testimonia l'abilità di guida di Federico. E continuamente ci ha intrattenuto con storie e racconti dal Mara. Tutte le componenti del nostro viaggio sono state organizzate dall0 staff di Federico e non provo altro che gratitudine per aver organizzato tutto cosi bene. Non esito a raccomandare Federico a chiunque e non vedo l'ora di tornare in safari con voi.

Marcus Conway

Siamo appena tornati da una settimana con Federico nel Mara nel suo safari "Predatori e Migrazione". Era la mia visita nel Mara dopo una vita di pianificazione. Noi (tre amici, tutti seri fotografi non professionisti) abbiamo optato per Federico come nostra guida per vedere il Mara come lo vede lui. Dopo alcuni inconvenienti logistici, quali la mancanza del vaccino per la febbre gialla in India e l'incendio all'aeroporto di Nairobi il giorno prima della nostra partenza, siamo arrivati finalmente nel Mara. Siamo stati al Freeman Camp, alla giunzione tra il Talek e l'Olare Orok nel cuore del Mara. E' un piccolo campo, comodo e al centro dell'azione. Con le docce calde pronto al ritorno e inverter nelle tende per caricare le macchine, ha soddisfatto in pieno le nostre esigenze. Federico ci ha guidato in safari nella sua Land Cruiser, alternandosi con il suo collega Simon. I safari sono stati tutti giornata piena, e ogni singolo momento è stato meritevole, la luce era bellissima, animali in abbondanza e Federico posizionava sempre l'automobile anticipando le possibilità fotografiche. Avendo passato quasi dieci anni nel Mara, Federico conosce il posto come il palmo della sua mano e riusciva sempre a farci vedere scene bellissime. Federico fotografava sempre insieme a noi, quindi abbiamo potuto condividere discussioni sulle impostazioni della macchina fotografica al momento, e tutta la settimana è stata una lunga sessione di formazione. Anche se Federico usa Nikon e noi Canon, non c'è stata nessuna difficoltà a comprendere e applicare le tecniche e i suggerimenti. Alla sera al fuoco si chiacchierava sulla giornata e l'ultima sera Federico ci ha dato una dimostrazione del suo flusso di lavoro di post-produzione. Non ho alcuna esitazione a consigliare Federico a chiunque voglia migliorare come fotografo. Abbiamo trovato Federico molto disponibile, informale e pronto a venirci incontro su ogni minima questione. Oltre a quello che abbiamo imparato, non è mai mancato l'elemento di divertimento che ha reso la settimana eccezionale. Credito va anche a Laura per la sua pazienza e la rapidità nel rispondere le nostre numerose richieste. Parleremo sicuramente con Federico quando pianificheremo il nostro prossimo viaggio in Africa.

Dipankar Mazumdar

Giugno 2011, Mara Intrepids Federico, Io e Isabel abbiamo passato la più bella settimana di safari e fotografia e relax con te nel Mara. Abbiamo visto e apprezzato tutto, cosi tanto, un campo bellissimo, la tua macchina comoda e affidabile e tantissime opportunità di fotografare tantissime situazioni bellissime di animali, uccelli e paesaggi. Ma più di tutto abbiamo apprezzato la tua dedizione instancabile e il divertimento che ci hai dato. Ci siamo sentiti amici, non clienti. Grazie infinite di tutto, Andrew e Isabel Melhuish

Andrew Melhuish #1

La cosa principale che ho imparato da Federico è l’importanza di conoscere i comportamenti e le abitudini degli animali. Si è cosi in grado di prevedere cosa faranno ed essere al posto giusto nel momento giusto, e questo fa la differenza. Ho imparato l’importanza di rallentare e adeguarsi al passo degli animali, non solo fotografare e correre in automobile ma segurli lentamente, magari per tutto il giorno, con rispetto, osservandoli, annusandoli, e qualcosa sicuramente accadrà (almeno nella maggior parte dei casi!)… Federic ha un’ottima e rispettosa attitudine verso la natura, è una persona molto aperta e gentile, sempre disponibile a venire incontro ai tuoi bisogni… abbiamo fatto molti workshop fotografici in Africa organizzati da nomi altisonanti ma dopo l'esperienza al Masai Mara dobbiamo riconoscere che il servizio delle più rispettate società è molto molto molto lontano dal servizio al top della qualità offerto da Federico

Elena Fieni

Secondo me l'ingrediente principale per far andare bene un safari è Federico.... non c'è meteo o altro che tenga... con la sua esperienza preparazione e coinvolgimento lo farà andare sempre alla grande! Spero che I suoi prossimi clienti possano vivere le stesse emozioni che ha fatto vivere a me, ogni giorno penso al bush e ai suoi animali, mi mancano i cuccioli di ghepardo, mi manca il pride di leoni, e Olive quella lazzarona che ha fatto così la preziosa!

Manuela Zugolo

Federico, grazie per un'altra settimana indimenticabile. E per tutte le opportunità che ci hai concesso di condividere la "tua" famiglia di Caracal! Andrew Melhuish

Andrew Melhuish #2

Perchè in Africa nuovamente? In fondo l'anno scorso mia moglie Lauretta ed io siamo stati in Namibia da soli dove avevamo visto di tutto e di più. Però gli abitanti dell'Etosha, gli animali, non avevano la magia negli occhi dell'essere libero. Ecco quello che fa del Masai Mara la differenza. Lo sguardo del leone, del bufalo, dell'aquila dal ciuffo, del leopardo, del babbuino che ti fissano attraverso la lente dell'obbiettivo e entrano nel tuo animo fissandoti a tu per tu. A questo punto uno direbbe: " ma allora Federico che c'entra?" C'entra eccome. Senza di lui che ti accompagna nella savana nell'ora più propizia e nel punto meno ovvio, per gli altri ma non per lui che ha visto un cespuglio "muoversi" in maniera insolita, per cogliere la luce dell'Africa che si risveglia o gli ultimi istanti di caccia notturna di un leone che scava in terra da dove all'improvviso sbucano come sospinti da molle dei facoceri che scappano in tutte le direzioni, oppure il molle stiracchiarsi di un leopardo che si sdraia tra le fronde di un'acacia dove è ben nascosta la sua preda, uno gnu che penzola. All'improvviso si blocca, spegne il motore della sua toyota e guarda col binocolo, ma cosa guarda che non c'è nulla se non qualche impala che bruca. In cielo non ci sono nemmeno le onnipresenti sentinelle, gli avvoltoi, che vedono una preda a km di distanza, ma lui imperterrito fissa un cespuglio. Qualcosa all'improvviso si materializza anche per noi : un serval!! E' poco più grosso di un micino casalingo e per di più è accovacciato, ma Federico lo ha visto come se questo lo avesse chiamato col cellulare. Quel giorno lì possiamo essere sicuri che siamo stati gli unici a poterlo osservare nella pace assoluta della savana africana. Oppure quando scoppia il classico temporale africano: per un po' non si vede più nulla oltre la cortina di acqua, ma Federico riblocca per l'ennesima volta la sua Toyota perchè laggiù su quel costone di roccia scura ha notato una macchiolina chiara mai vista prima, parte in quarta e si avverte tutta la tensione adrenalinica del "cacciatore di immagini" che ha letteralmente fiutato qualcosa. In questi istanti Federico si trasforma: la sua "carica" è contagiosa, per fare prima incomincia a battere velocemente la destra sul volante quasi fosse un incoraggiamento per l'auto a volare. Arriviamo sotto il costone e siamo gli unici. Una leonessa domina la scena dall'alto della rupe, sotto il diluvio. Senza Federico avremmo fatto come la maggior parte di chi va nel Mara a bordo di fuoristrada e pulmini : vedremmo solo quello che "loro", i veri abitanti del Mara, ti concedono di vedere. Federico è il valore aggiunto se si vuole essere ammessi ad osservare da vicino i padroni del Mara. Grazie Federico per tutto quello che ci hai dato e per l'amicizia regalataci. Lauretta e Massimiliano

Lauretta e Massimiliano Ribelli

Una delle migliori guide che si possano trovare per un safari fotografico in Africa! Federico è un fotografo eccezionale ed è molto appassionato degli animali, della loro conservazione e della fotografia. Ciò si traduce in molte tra gli incontri e i ricordi più belli che si possano avere di animali selvatici. Si impara tantissimo da lui sul comportamento degli animali e sulla fotografia naturalistica. Sono stato in safari alcune volte in Kenya e Tanzania con altre compagnie prima di trovare Federico; da allora sono stato con lui in tantissimi safari al Mara, il mio posto preferito, e nel Serengeti. Se siete interessati a imparare sul gli animali e la fotografia, lui è una delle migliori guide in giro. Federico posiziona sempre il veicolo al posto giusto, requisito fondamentale per risultati fotografici eccezionali. In breve, se non fosse per lui non avrei scattato la maggior parte delle mie migliori fotografie di animali. Grazie a lui ho migliorato tantissimo la mia fotografia.

Senthil Palaniappun

Ciao Federico, siamo a casa da più di una settimana ma continuiamo a segure il tuo blog avidamente, e con invidia!? Abbiamo passato giorni meravigliosi, vedendo e fotografando gli animali con te. In realtà, per quanto siamo soddisfattissimi delle nostre foto, è quello che abbiamo imparato sulla fotografia e l'apprezzamento degli animali che ci portiamo dietro più di tutto. E' interessante rendersi conto che vediamo cose nuove ora e lo strano mix di contentezza per quello che abbiamo visto e voglia di vederne di più e fotografarlo meglio! Probabilmente ci rivedrai presto! Sarah, Roy e Charles Cook

Sarah, Roy e Charles Cook

Caro Federico, Siamo appena arrivati a casa questa mattina presto. Un viaggio stupendo per tutti noi! Nostra figlia Suannah ha imparato veramente tantissimo da te e ha visto scene di animali incredibili. Grazie per aver organizzato un'esperienza straordinaria per Susannah, ti raccomanderemo sicuramente a tutti i nostri amici in futuro! Sinceramente, Alan e Nancy Kay

Alan e Nancy Kay

Ci dissero che di Africa ci saremmo ammalati, ma l'Africa 'guarisce', fa bene al cuore. Ha la capacita' di farti dimenticare il desiderio di volere vedere tutto, tanto, e subito per regalarti un senso di appartenenza al ritmo della vita nel bush... Lento e silenzioso... E poi in una frazione di secondo tutto accade, .. E ti ubriachi di vita. Federico e' una guida eccezionale, molto preparato e paladino degli animali, protagonisti indiscussi del Masai Mara .   Francesca e Gianluca  

Francesca Gipponi

Ciao Fede, il viaggio di ritorno è andato perfettamente. Ma già oggi pomeriggio eravamo a parlarci, Paty ed io, con le lacrime agli occhi ! Ti ringraziamo veramente tantissimo per averci concesso un viaggio come ci hai proposto tu. Ringrazio anche il giorno in cui ho aperto il libro di Poliza e ti ho individuato e scoprendoti attraverso il sito, aver capito che potevi essere la persona capace di realizzare il mio sogno, il nostro sogno: una settimana in Maasai Mara, con lo spirito che io, noi volevamo!! Nulla di quello che è successo potrà abbandonare il nostro cuore, la mente, ma molto più in profondità ...l’anima! Lì i suoni, le attese solo apparentemente inutili, le ricerche testarde, le luci e le non luci, il sole e la pioggia, le strade asciutte e quelle trasformate in fiumi, i guadi riusciti e quelli non, gli animali piccoli e quelli grandi, quelli timidi e quelli sfacciati, in una parola gli animali con i loro “behaviours” che ci hai fatto riconoscere con rara sensibilità unita ad una affascinante conoscenza di ciò che regola l’eterno cammino della natura. E’ così ci sta il tapparsi della vena di fronte allo spettacolo della vita e della morte che si agganciano in un gioco crudele, regolato però da norme oneste, dove la zebra stremata esala l’ultimo respiro e la leonessa stremata vince e così ci sta che si riesca a vedere il buffo ritrarsi del piccolo ippopotamo spaventato da una carica surreale di un giovane gnu votato alla morte per fame o al tentativo di far salva la vita tornandosene da dove era venuto, fra i canini dei coccodrilli; ci sta di vedere nel gioco dei leoncini quello che da dietro fa lo sgambetto a suo fratello mimando geneticamente ciò che dovrà fare da grande se vorrà mangiare, così come ci sta di scovare l’esistenza del ghepardo vegetariano! E così ci sta di accettare come patrimonio che nessuno ti potrà mai rubare la tanta pioggia senza la quale mai avremmo visto i cieli surreali e drammatici che abbiamo potuto vedere, così come il sole dell’alba con la sua luce incredibile e così l’impantanamento e le pazze danze dei land cruiser fra i solchi scavati nelle strade, che, gravide di promesse ( ad ogni curva una scoperta! ) popolano questa meravigliosa riserva ! Non scorderemo il rispetto che tu hai nei confronti dei “tuoi” amici animali, che per merito “tuo” sono diventati ancora di più amici “nostri”: mai avremmo voluto sopraffare i diritti dei nostri amici prima, mai lo potremmo fare d’ora in avanti! Fede sei una bella persona dentro.. “inside”! Lo dimostri con la passione con cui fai il tuo lavoro e la professionalità che doni ai tuoi compagni di viaggio: una professionalità che non è quella del viaggio dove tutto è andato bene ( dal campo ben gestito, alla doccia calda e via così ) ma quella del cogliere insieme a te quello che tu cogli in mezzo ai tuoi amici. Grazie anche dei tanti preziosissimi consigli fotografici: una chicca nella chicca. Noi ti abbiamo senz’altro aiutato perchè siamo persone di un certo tipo e abituati come siamo a viaggiare in certe lande del Mondo ormai sappiamo vedere con gli occhi dell’anima. Credo anche di averti fatto conoscere un’ altra persona bella dentro ...Andrea, figlio, insieme a Michele per noi diletto. Spero e credo che avrete modo di rincontrarvi nella vostra “Africa”. Questo è ciò che ti dovevamo.. e non basta! Che strano contenitore è l’anima, pesa 21 grammi e contiene l’infinito angelo e paty

Angelo e Patrizia Cantarelli

Il tuo saluto da bordo pista mentre l’aereo prendeva quota e il Mara si allontanava: catturata dall’oblò dell’aereo sarebbe stata l’immagine perfetta per i titoli di coda del mio video. Sarebbe stata ma …. come spesso è accaduto durante il safari, la sorpresa e l’emozione della scena hanno prevalso e la videocamera è rimasta lì. Grazie di cuore Federico per la passione con cui ci hai condotto nel Mara, per l’amore e il rispetto che hai per gli animali e per la natura, per la tua pazienza con i principianti come me, per la disponibilità a condividere la tua esperienza e conoscenza e, perché no, per la fortuna che ci ha accompagnati sempre. Tra i miei viaggi africani certamente uno dei migliori; senz’altro un’esperienza impagabile, da ricordare per sempre. Continua così!

Luca Tescaro

Finalmente ho trovato il mio safari definitivo, è stata una settimana entusiasmante e piena di emozioni e la differenza la fa sicuramente Federico con la sua competenza , professionalità, conoscenza del luogo in cui si muove, e soprattutto per l’entusiasmo contagioso. I safari di Federico sono un paradiso per i fotografi ma non solo per loro, io il mal d’Africa l’avevo già contratto ma il safari di quest’anno lo ha aggravato in maniera irrimediabile. Sono smontato da poco dall’aereo e vorrei già ripartire, ci rivedremo nel 2010 nel tuo Mara.” Ciao e grazie ancora per la bella settimana

Gianluca Peron

Da tempo penso a fare una “recensione” sul mio viaggio in Kenya con Federico, dal giorno stesso in cui sono tornata. Avrei voluto fissare con le parole le mie contrastanti emozioni, condividere immediatamente l’intensa esperienza, descrivere le strabilianti e naturali interazioni osservate, per sentirne ancora il calore, l’odore, il rumore, la drammaticità. E poi mi sono accorta che tutto era troppo congelato in me per essere raccontato. E, come ho imparato studiando la natura, come ho fatto in Kenya con Federico, ho aspettato. Ho aspettato che, come su un lago ghiacciato in primavera, sebbene ora che scrivo stia arrivando l’inverno, il ghiaccio si sciogliesse per svelare la vita che sotto continuava a scorrere. Sono tornata in Italia da più di un mese, mi sembra ieri che ho preso il mio volo di ritorno dal Mara; ho passato due settimane in Kenya, tra Amboseli, Nakuru e Mara e mi sembra di averci passato almeno un anno. Non so dire se questo dipenda dalla forza con cui lì si sperimenta la natura, se dipenda dall’immensità dei paesaggi, o dallo scandire delle giornate in base alla luce, o, ancora, dalla capacità di Federico di trasmettere un senso di appartenenza fortissimo a quelle terre. Ma veniamo alla recensione. Se pensate di andare a fare un viaggio rilassante avete sbagliato meta. Vi alzerete alle 5.30 ogni mattina e, dopo un veloce caffé, seguirete tutto il giorno Federico, sotto il sole, sotto la pioggia, dentro i fiumi, in mezzo alle paludi (rischiando più volte di rimanerci nella palude), che va cercando situazioni interessanti da fotografare, un po’ di controluce, un po’ di polvere. Scruta l’orizzonte, si ferma, prende il binocolo, riparte, si riferma, prepara la sua attrezzatura, attende, osserva gli animali, trova la situazione da fotografare. Fa milioni di scatti a raffica, li riguarda, si insulta perché ha sbagliato l’inquadratura o perché ha fatto delle foto inutili, si lamenta perché la luce non è buona o perché ci sono dei ciuffi d’erba che coprono il soggetto (siamo nella savana, la terra dell’erba alta!), scatta ancora finché la luce lo consente, e via ancora verso nuove e più entusiasmanti avventure. Tutto questo mentre nel frattempo segue gli spostamenti dei ghepardi, tenta di identificare dei nuovi individui di leopardo, consulta le guide, canticchia e telefona per informarsi su quello che accade da altre parti (parlando un miscuglio di almeno 4 lingue). Arriverete alla sera stanchi, impolverati (se non infangati), con troppe foto da scaricare e rivedere, frustrati, perché la vostre foto non vi sembreranno mai belle come quelle di Federico, e sverrete addormentati nel letto, nemmeno vi avessero dato la mela avvelenata di Biancaneve. Però tornerete a casa con tantissime foto spettacolari, con molte storie da raccontare, ma soprattutto con un bagaglio di esperienze ed emozioni secondo me irripetibili. La possibilità straordinaria che offre Federico, oltre alla sua enorme professionalità di fotografo e alla sua esperienza sul campo, è di vivere dei momenti di vero contatto con quella natura ancora selvaggia, dove l’unico segno dell’uomo che vedrete per kilometri saranno solo le macchine che osservano, dove la vita naturale si manifesta in tutta la sua meraviglia, dove potrete passare intere giornate a osservare gli animali e le loro interazioni, tentando di capire, tentando di partecipare, tentando di non disturbare. Se avrete la possibilità di fare un safari con Federico spero che possiate apprezzare la sua capacità di osservare, di esserci senza interferire, di rispettare sempre gli animali e i loro spazi, doti importantissime per non rovinare ulteriormente i delicatissimi equilibri degli ecosistemi est africani, già seriamente minacciati e danneggiati. Personalmente, ho scelto di fare il mio safari con Federico proprio per il suo rispetto e la sua sensibilità, e sono ampiamente soddisfatta. Grazie davvero. Serena

Serena Carloni

Federico fa la differenza. Viaggiare con lui è davvero un'esperienza magica. Non è solo per le migliaia di foto che potrete scattare, ma soprattutto per l'intensa atmosfera e l'esperienza che vivrete. Anche i trasferimenti da un parco all'altro sono un'occasione unica per imparare. Federico è infaticabile nel fornire informazioni, suggerimenti, e nel cercare di trovare le opportunità migliori per vedere gli animali, qualunque animale, sia che siano mammiferi, uccelli, rettili o insetti, che siano giganti o microscopici e ogni movimento nella savana diventa una scoperta affascinante! Si nota subito la sua capacità di essere parte dell'ambiente, e di pensare come gli animali che osserva. La conseguenza di ciò è la migliore possibilità che avrete di essere nel posto migliore con la luce migliore quando avviene la scena. Tutto sempre seguendo la regola principale, ovvero di rispettare gli animali senza disturbarli o interferire nel ciclo naturale. La bravura di Federico sta anche nel saper creare un'armonia tra gli ospiti, cercando di rendere ognuno soddisfatto e di costruire delle relazioni con le persone. Di nuovo, grazie infinite Federico, augurandoti di continuare su questa strada, e sperando di rivederti presto per un'altra straordinaria esperienza in Kenya o Tanzania.

Patrizia Dell’Oca e Gianluca Orezoli

Non finiremo mai di ringraziare la nostra amica Elena Fieni, per averci fatto conoscere Federico Veronesi e I suoi workshop. Siamo tornati da solo pochi giorni e la "saudade" e' incredibile, non passa giorno che non andiamo sul suo sito a vedere la foto del giorno. Quello che differenzia Federico dagli altri e' la passione che mette nei suoi workshop, il suo non e' un lavoro, e' la sua vita e questo lo intuisci spessissimo. Come dimenticare la sua preoccupazione per la salute di Olive durante l'attacco del leone, la sua rabbia quando qualche driver incompetente ci "impallava" le foto con la sua jeep oppure venivano scatenate vere e proprie corse per raggiungere una posizione migliore durante il crossing. Federico non corre, attende! Con lui abbiamo imparato che paga molto di piu' una lunga attesa in una situazione giusta, che correre da un posto all'altro alla ricerca di piu' occasioni fotografiche. Ricordatevi che con lui sarete I primi a partire e gli ultimi a tornare, dimenticatevi di riposarvi in tenda se dovesse piovere:   ….con la pioggia si fanno bellissime foto! La sua abilita' fotografica e' fuori discussione, ma e' uno dei pochissimi che ti insegna tantissimo, sia durante lo scatto che in post produzione, e non e' solo teoria, ma tanta, tanta pratica. Difetti? Uno, ma grosso: e' un milanista! Ciao Federico, ci rivediamo presto. Luigi & Elena

Luigi e Elena Massimeo

Dopo più di 20 safari in 6 anni tra Botswana – Namibia – Tanzania e Kenya, Federico è riuscito a stupirmi in molti aspetti come per esempio l’avvicinamento ad un gruppo o al singolo animale. Molte volte un metro può fare la differenza tra una buona foto e far scappare il soggetto e avere il senso della posizione nel bush non è facile. Non vedo l’ora che arrivi il 24 gennaio quando avrò a disposizione un'altra settimana da trascorrere da “buio a buio”

Stefano Bortoletto

Vivace,geniale, attento e rispettoso, Federico ha saputo far emergere queste sue qualità dando luogo a un safari indimenticabile e dimostrando una competenza indiscutibile. Un grazie di cuore. marco urso

Marco Urso

Ancora?" E' l'esclamazione di nostro figlio all' annuncio del ns. prossimo viaggio in Kenya, evidentemente preoccupato del depauperamento del patrimonio ereditabile. " Con Federico? " ha aggiunto. E al nostro. assenso si è lasciato andare ad un  "uuuhhhh" che sa tanto di invidia ma anche di rassicurazione. Abbiamo gia' vissuto esperienze di safari in Kenya e in Tanzania con Federico. Conosciamo la sua passione per la natura e per la fotografia, la sua esperienza e l'estrema affidabilita'; i suoi FERMI TUTTI sono divenuti proverbiali come i suoi scatti improvvisi e le sue sgasate con la Toyota con il proposito di non farci perdere nulla di un vero safari fotografico. Riconosce tutti i felini, e i territori dove abitualmente vivono, chiamandoli addirittura per il nome che i Masai e i drivers locali hanno loro dato. Chiama anche gli uccelli con il nome della specie ma solo in inglese ( e giu' noi a consultare la field guide...). Abbiamo vissuto con lui momenti indimenticabili,emozioni irripetibili...meno uno: il crossing. Speriamo che il prossimo settembre sia la volta buona! Che prometta e poi di proposito non mantenga per farci ritornare ancora? Tanto ormai il mal d'Africa è cronico, senza possibilita' di guarigione. Ed è tutta colpa sua! Mirella e Giancarlo

Mirella e Giancarlo Bordoni

sono tornato ieri notte. Non ci sono parole per descrivere i momenti bellissimi cui abbiamo assistito e mi chiedo come si possa rimanere insensibili davanti a questi spettacoli naturali. Ripenso a tutto ciò e mi commuovo, riflettendo sul privilegio nell'esser stato spettatore di tali avvenimenti. E penso soprattutto a quanto tutto questo sia stato possibile grazie a te, alla tua bravura ed esperienza, uniti alla tua incredibile passione, che ci hanno fatto vivere questi eventi come protagonisti, ci hanno fatto vivere e prendere parte alle storie degli animali che abbiamo visto, comprenderne i significati e le dinamiche. Penso che anche Marco e Roberta si unirebbero a me e concorderebbero con quello che ti sto scrivendo, e sarebbero d'accordo anche loro nel sostenere la tua straordinaria unicità come fotografo, sia dal punto di vista professionale che umano. Sono convinto infatti di una cosa, che ho potuto confermare durante questo safari e nel tempo trascorso con te in stanza: il fatto che, fermo restando la tua professionalità, riesci a rimanere sempre te stesso e a mostrarti così anche a chi ti sta accanto, senza montarti la testa. Adesso continuo a guardare e sistemare le mie foto, non rinunciando mai a lasciarmi trasportare dal sogno di poter tornare in quel posto da favola. A presto Stefano

Stefano Girella

Ho avuto la fortuna di avere Federico come guida qualche mese fa, nel mio secondo safari , ed è stata una esperienza memorabile … è stato subito chiaro che l'amore e il rispetto per gli animali, uniti alla passione viscerale per la fotografia , facevano di Federico Veronesi , la guida ideale per me !...non ultimo parlare la stessa lingua , ma soprattutto è un fotografo appassionato !!! negli appostamenti si cura l'angolo di visione fotografico , la luce , ti prepara a cogliere il momento giusto , e non vuol mai rientrare per non perdere occasioni e avvenimenti importanti...... con una guida come lui l'Africa ti entra nel sangue , ci hai fatto fare delle foto memorabili!

Fabrizio Zuccarato

Siamo stati benissimo ed è  stato veramente molto di più  di quello che ci aspettavamo!!!!!!..... un'esperienza indimenticabile e indelebile nei nostri cuori !!!!!!..... veramente non potevamo avere e sperare di meglio, ed era proprio quel genere di esperienza e safari che cercavamo… Inoltre Federico trasmette gioia in quello che fa e passione e Valentina ed io non potevamo avere di meglio

Stephan e Valentina Marcelli

Cosa dire della nostra esperienza in Kenya: Tre settimane di intenso viaggiare tra i parchi passando da una emozione ad un'altra. Trovarsi al seguito di un giovane entusiasta e nello stesso tempo professionale come Federico Veronesi ha dato un significato diverso al modo di approcciare l’ambiente e le diverse situazioni. Per me è stata la prima esperienza in un safari e ho avuto modo di scoprire ed apprezzare aspetti che agli occhi di un profano possono facilmente sfuggire. A questo scopo ha fortemente aiutato la competenza di Federico come fotografo degli animali selvaggi in generale e degli uccelli in particolare. Infatti attraverso i consigli costanti su come riprendere la vita nei parchi attraverso la fotografia ho potuto realizzare una documentazione del viaggio che, al di là della qualità non sempre eccelsa, rimarrà sempre viva nella memoria. Una esperienza come questa non si esaurisce in un unico viaggio ma ti lascia la voglia di rifarlo e ancora rifarlo grazie a Federico. Pino  

Pino Paternò

Mara Intrepids, Maggio 2012 Come penso tu abbia notato, abbiamo passato una vacanza splendida. Grazie mille per aver lavorato cosi duro per rendere quello che per quasi tutti è stato il  primo safari un successo tremendo. Nei safari precedenti avevi creato uno standard altissimo e questo è stato veramente grande. Commenti più dettagliati: 1. Mara Intrepids. Siamo stati impressionati favorevolmente dalla gestione e da tutto lo staff e dal cibo. Abbiamo adorato gli animali notturni, per fortuna l'erba attorno alle tende era bassa quindi abbiamo potuto vederli benissimo. Ottimo rapporto qualità-prezzo. 2. Condizioni del safari e avvistamenti: non pensiamo che troverai condizioni cosi difficili nuovamente in futuro, o almeno speriamo per te di no. Nonostante tutto abbiamo fatto ottimi avvistamenti di uccelli, ghepardi, leoni, rinoceronti e tutti gli altri. Il Protele è stato la ciliegina sulla torta! La generazione più vecchia è sempre felice di razionalizzare e non è rimasta troppo delusa dal non aver visto il Leopardo! Le fermate obbligate occasionali hanno aggiunto eccitazione all'avventura! Per fortuna avevamo due veicoli, altrimenti sarebbe stato molto difficile. Sfortunatamente le nostre foto non hanno l'audio, altrimenti avremmo potuto migliorare il nostro vocabolario di Italiano! Nel complesso siamo stati benissimo e vissuto momenti meravigliosi, tanto che vogliamo ripetere l'avventura con due veicoli in un'altra stagione, possibilmente più asciutta!

Andrew Melhuish #3